• 0

Alla ricerca dell’Eremo di San Giorgio a Monte Rosara

Oggi mi sono “ritagliato” una toccata e fuga verso l’Eremo di San Giorgio nei pressi del Monte Rosara di Ascoli Piceno.

A seguito di una segnalazione di un caro amico mi sono messo alla ricerca dell’eremo. A dire il vero mi sono perso un paio di volte sbagliando versanti e stradine di montagna ma alla fine, trovati due vecchietti che mi hanno indicato la strada giusta, l’ho beccato!

Di seguito, quanto scritto sul cartello informativo nei pressi della struttura:
“Costruito in posizione isolata sotto una rupe di travertino dal caratteristico colore rosa, immerso nel silenzio del bosco, l’eremo di San Giorgio si presenta di grande impatto scenografico alla vista da Castel Trosino.

Le prime notizie risalgono alla metà del sec. XIV quando la nobildonna ascolana Livia Martelleschi vi aveva fondato un ospedale per curare i lebbrosi con le sottostanti acque sulfuree. Nel 1382 i frati spirituali seguaci di Angelo Clareno trasformarono l’ospedale in eremo, passato nel 1568 ai frati Minori Osservanti. Con la soppressione degli Ordini avvenuta dopo l’Unità d’Italia, il convento divenne proprietà privata.

Il suo abbandono avvenuto nella seconda metà del sec. XX ha provocato il rapido deterioramento dell’edificio e la scomparsa del culto secolare di San Giorgio per il quale a primavera l’eremo era meta continua di pellegrinaggi.”

 

I TOUR PROPOSTI DA Marco Cicconi


LE ATTIVITÀ PROPOSTE DA Marco Cicconi


Tags:
it Italian
X